Blog idee e opinioni

Il Rispetto

Mi sono imbattuto in questi giorni, saltando da un link all’altro di facebook, in una vicenda alquanto surreale ove i protagonisti, tanto per cambiare sono sempre i giovani.

Un caro amico si è trovato vittima della prevaricazione di quattro ragazzi o ragazze che hanno agito in maniera bullesca e offensiva mettendo in giro falsità su questo ragazzo, offendendolo, insultandolo, prendendolo in giro. La cosa più sconvolgente è che oggi questi casi di bullismo (chiamiamolo cosi) avvengono anche non solo tra le mura scolastiche ma anche tra i link di facebook.

La scuola che dovrebbe essere l’ambiente educativo per eccellenza e il network chiamato social-network che dovrebbe essere un mezzo di comunicazione sociale e di socializzazione tra esseri umani , diventano luoghi per esternare una violenza poco presa in considerazione dagli adulti.

L’esempio che ho portato è il simbolo non solo dell’arroganza dei ragazzi ma soprattutto della superficialità degli adulti che con la loro indifferenza o trascuratezza , alimentano questo fenomeno in maniera vertiginosa , rendendolo non solo un fenomeno da grande metropoli ma un fenomeno che è arrivato anche a Montelepre. Anche chi subisce non denuncia mai ma sopporta in silenzio soprattutto perché non si vuole far conoscere le violenze subite e anche perché si vergogna.

Le prepotenze di tipo verbale sono le più numerose ma non per questo sono da sottovalutare anche perché sono sintomo anche di una mancanza di educazione che sta alla base di tutto……non so, soffermandovi un attimo in piazza “Flora”, se avete mai sentito parlare le ragazzine in maniera molto accentuata in cui le “minkie” o le “buttane” fuoriescono dalla loro bocca come se fosse la coniugazione normale di un verbo.

Tutto questo è deleterio.

Tuttavia credo che non sia questo il male maggiore, mi sembra che la cosa insopportabile sia quella in cui loro sono sicuri che il loro modo di esprimersi e di rapportarsi con gli altri sia corretto e conforme con la società di oggi…..la legge del più forte!

Ma tutto questo , compreso il fenomeno del bullismo, nasce dall’immobilismo e l’inerzia dei genitori che non hanno mai dato ai loro ragazzi il senso della misura e della moderazione. Se il genitore quando è piccolo permette tutto al suo bambino, quale diritto ha poi di lamentarsi se suo figlio, divenuto più grande, continua a permettersi di tutto?

I ragazzi danno importanza solo all’apparenza, a quello che hanno, alla ricchezza e soprattutto al modo di rapportarsi in maniera forte e decisa con i propri simili, non tenendo conto delle debolezze o dei limiti di molti altri…..si passa cosi alla sopraffazione come se fosse la normalità di ogni giorno, avallato dalla presenza dei genitori come se loro indicassero che sia il modo giusto per far valere le proprie ragioni….ed ecco il fenomeno del bullismo, della vergogna, della derisione e dell’umiliazione altrui, senza tener conto che si sta distruggendo un anima giovane che ha la sola colpa di non sapersi difendere e far valere la propria parola……

E’ un grande problema educativo.

Soltanto prendendo coscienza di questo si può avere la possibilità di ritrovare una vera dimensione umana e del rispetto altrui…non voglio essere noioso ma il rispetto della dignità del prossimo è al primo posto e deve essere difeso

Non è retorico affermare che credere in qualcosa, avere un fine nella vita, lottare, sacrificarsi per qualcosa, può fare del bene non solo all’individuo, ma all’intera società.

Qui non si vuole terminare il discorso ipotizzando una ricetta facile o trionfalistica, ma forse è nel recupero di alcuni valori, di cui troppo sbrigativamente qualcuno si è voluto sbarazzare negli scorsi decenni, che sta una possibilità di vera libertà e felicità per i giovani di oggi e soprattutto fare apprezzare ai ragazzi che la forza non sta nelle azioni di prepotenza ma sta nel nostro cuore e nel rispetto delle cose e delle persone.


Il Rispetto ultima modifica: 2010-05-09T09:16:26+00:00 da Salvo Bono
Altri contenuti riguardanti: ,