Blog idee e opinioni

Gestione idrica senza pace, adesso c’è l’Amap

E così la gestione idrica del comune passa all’Amap. Questo servizio sembra proprio non avere pace, e sembra proprio che gli sforzi e l’entusiasmo profusi, nonché il risultato stesso del referendum del 2011 siano del tutto inutili.

Rimaniamo convinti che la gestione diretta dell’acquedotto da parte dell’ente, sarebbe stata una grossa opportunità, e ci conforta il fatto che degli 81 comuni dell’ex Ato PA1 una quarantina l’abbiano pensata allo stesso modo.

Probabilmente la contingenza storica in cui si trova il nostro comune non consentiva una scelta diversa, forse, ma il fatto che l’affidamento sia previsto fino a settembre lascia ancora spazio alla gestione diretta.

Chiediamo pertanto alla commissione di non estendere oltre la scadenza prevista e di lasciare questa scelta alla prossima amministrazione. Crediamo che ogni schieramento che dovesse concorrere alle prossime elezioni, debba prevedere il ritorno alla gestione diretta.


Gestione idrica senza pace, adesso c’è l’Amap ultima modifica: 2015-03-10T19:16:43+00:00 da Liberi Tutti
Altri contenuti riguardanti: ,