News Fatti e protagonisti

Grande festa a Giardinello per l’ingresso di don Claudio Gulino

“Bisognerà imparare a leggere la storia di questo piccolo paese con occhi caritatevoli, pazienti, misericordiosi, amichevoli, propositivi, cordiali. Tutto questo ci porterà a diventare sempre più cristiani nella giustizia e nella solidarietà, per lasciare un vissuto di bontà e di legalità”.

Lo ha detto don Claudio Gulino, nuovo arciprete di Giardinello, durante la concelebrazione solenne di immissione presieduta dall’arcivescovo di Monreale, Michele Pennisi. Per don Claudio, insegnante di religione all’istituto comprensivo “Laura Lanza” di Carini, è la prima esperienza da parroco. Amministrerà la chiesa madre dedicata a “Gesù, Giuseppe e MAria” e il santuario della Madonna della Mercede.

“Il mio animo non è abituato a questi momenti eclatanti – ha esordito padre Claudio – sono una persona molto semplice, portato a stare un passo indietro. Quando l’arcivescovo mi ha chiesto di guidare questa piccola porzione della diocesi stupore, timore, trepidazione, gioia, gratitudine hanno fatto breccia nel mio cuore”.

Il nuovo arciprete ha ringraziato, fra gli altri, i suo predecessori, l’arciprete di Partinico, Salvatore Salvia e i parroci don Sergio Albano e don Vito Bongiorno. Un ringraziamento è stato rivolto pure alle autorità militari presenti nella chiesa madre e all’amministrazione comunale rappresentata dal commissario straordinario, Giuseppina Di Dio Datola.


Grande festa a Giardinello per l’ingresso di don Claudio Gulino ultima modifica: 2016-07-02T07:00:19+00:00 da Corrado Lo Piccolo
Altri contenuti riguardanti: , ,