News Fatti e protagonisti

Revocato decreto ingiuntivo di 400 mila euro chiesto al comune di Capaci

“E’ mancata la prova del credito”. Con questa motivazione la quinta sezione del tribunale Civile di Palermo ha revocato un’ingiunzione di pagamento di oltre 400 mila euro chiesta ed ottenuta dall’ex consorzio Asi della provincia di Palermo, oggi Irsap, nei confronti del comune di Capaci per ottenere il pagamento dei costi sostenuti per la gestione e la manutenzione dell’impianto di depurazione per gli anni dal 2009 al 2011.
L’amministrazione del sindaco, Sebastiano Napoli, adesso può tirare un grosso sospiro di sollievo.
In particolare, il giudice ha ritenuto fondati i rilievi mossi dall’ente assistito dagli avvocati Giancarlo Pellegrino e Barbara Figuccia e, per l’effetto, ha sostanzialmente revocato il decreto ingiuntivo emesso nel 2011 su ricorso dell’Asi. avvocato giancarlo pellegrino
Nella sentenza resa a conclusione della procedimento di opposizione il giudice ha ritenuto non provata la pretesa creditoria avanzata dal consorzio contro il Comune “non avendo supportato le fatture azionate in sede monitoria, con documenti che attestassero gli effettivi esborsi ed i costi da riversare per la quota di spettanza, sul Comune”.
Dunque, “seppure non sia contestata puntualmente la correttezza della gestione e della manutenzione ad opera dell’Asi, ciò non basta comunque a fornire idonea prova dell’entità esatta del credito vantato”.
La pronuncia è stata accolta con soddisfazione dal sindaco Napoli, che certamente contribuisce a dare una boccata d’ossigeno alle casse del Comune e a tutto il paese, alle prese con continui incrementi in bolletta per il pagamento del canone di manutenzione dell’impianto di depurazione. Tassa non dovuta, secondo l’amministrazione comunale “a seguito del subentro nel 2009 di Aps quale unico soggetto gestore del servizio idrico integrato”.
Compensate le spese processuali, mentre il comune dovrà rimborsare complessivamente circa 22 mila euro alla Presidenza, agli assessorati regionali al Territorio e Ambiente e all’Energia e all’Ato idrico.


Revocato decreto ingiuntivo di 400 mila euro chiesto al comune di Capaci ultima modifica: 2016-08-18T09:25:28+00:00 da Corrado Lo Piccolo
Altri contenuti riguardanti: , ,