Blog idee e opinioni

Al Referendum costituzionale Arasimo vota NO

Con la scusa della visita settimanale, ogni domenica sera vado da mia zia Prurenzia e le porto una ‘nguantera di Paste di Don Giacomino (che qualcuno impropriamente chiama Paste all’Antica!). Ma il motivo principale dell’appuntamento è che ci vediamo assieme l’ultimo episodio  della telenovela “Il Segreto”; e quella sera era pregna di fatti cruciali per i nostri destini in quanto si doveva scoprire se Raimundo riusciva a trovare Donna Francisca che era stata rapita. Capirete che le nostre vite erano appese a quel filo sottile che gli sceneggiatori scrivevano per noi in questa 3.965esima puntata della 765.098 previste.

Fuori sbrizziava e questo rendeva più dolci le paste e il pathos della puntata che ogni 5 minuti veniva deliziosamente interrotta da circa 25 minuti di pubblicità che ci consentiva di commentare l’accaduto e di immaginare il futuro; e fu durante una di queste pause, mentre la zia stava mettendo  u cafè ‘ncapu, che mi squillò il telefono.

Si trattava di mio compare Arasimo per cui mi mi allavanco fuori, sotto la pinnata e rispondo con gioia e agitazione. Dopo i convenevoli mi dice che devo interrompere la visione della telenovela che anche lui segue dal Portogallo e andarlo a prendere all’airoporto perchè è venuto con l’apparecchio e ha attirrato proprio cinque minuti fa!

Mi scuso con la zia che comunque resta contenta perché così, nonostante abbia u zuccaru avutu , si potrà ammuccari tutte le paste.

Il tempo di ascoltare qualche canzone di  Wess e Dori Ghezzi che mi ritrovo all’aeroporto con Arasimo già fuori  che aspetta fumandosi 3 sigarette senza filtro in sequenza rapida.

Mi riferisce che è tornato per votare al referendum ,che ha ricevuto la lettera di Matteo Renzi e che gli sembrava giusto partecipare alla votazione. Tralascio il resto della conversazione che ha interessato gravosissime questioni come la crisi del Palermo, le ultime novità sul Bosone di Higgs e il mistero sulla riappacificazione di Al Bano e Romina.

Ma la domanda di oggi è: votare SI o votare NO?

Per onestà intellettuale devo comunicarvi che politicamente Arasimo è passato dalla fase dello Scetticismo a quella dello Stoicismo ed ha deciso di dichiararsi ufficialmente simpatizzante del  Movimento 5 Stelle vista anche la sua totale idiosincrasia verso quel venditore di pentole che abbiamo come premier e quindi vede la riforma proposta dal piazzista fiorentino come un’ulteriore presa per i fondelli dove  a pagare saranno sempre e solo i cittadini che con lui al governo non stanno per niente sereni!!!

Arasimo voterà NO perché non è vero che il Senato viene abolito. Restano anche privilegi e immunità.

Arasimo voterà NO perché se si voleva  sparagnare sui costi della politica non si potevano dimezzare il numero dei parlamentari e macari gli stipendi di tutti manciafranchi che stanno nei Palazzi del Potere e togliergli pensioni d’oro e vitalizi?

Arasimo voterà NO perché anche questi che restano non sono eletti dal  Popolo ma sempre da quella casta che solo a parole si vuole mandare a casa.

Arasimo voterà NO perchè non capisce come farà  un Consigliere Regionale o un Sindaco, che è già incasinato per i fatti suoi, a fare pure il Senatore visto che dovranno approvare anche Trattati internazionali, Materie regionali e che possono chiedere anche di esaminare le leggi della Camera.

Arasimo voterà NO perché non si fida di un rifardo che ieri ha detto che se vincesse il NO di dimetterebbe immediatamente dichiarando conclusa la sua esperienza politica salvo poi a rimangiarsi tutto quando ha cominciato a sentire ciavuru di accarpu.

Arasimo voterà NO e vorrebbe mandare al Governo i giovani a 5 stelle che però dovranno essere bravi a levarsi quella puzzetta sotto il naso per cui solo loro sono puri e onesti e gli altri tutti delinquenti e collusi, dovranno capire che se hanno deciso di fare politica in  un sistema democratico hanno il dovere di  confrontarsi con altre idee e altre posizioni e realizzare che quello che conta, uber alles,  è l’integrità morale e l’onestà delle persone che fanno politica che possono trovarsi anche  in altri partiti o movimenti e con i quali si potrà anche collaborare senza vergognarsi e nel pieno rispetto delle idee  altrui anche se diverse.

Perché come diceva il buon Pietro Nenni : “ A fare a gara a fare i puri, troverai sempre uno più puro che ti epura”.


Al Referendum costituzionale Arasimo vota NO ultima modifica: 2016-11-17T07:29:22+00:00 da Nino Plano
Altri contenuti riguardanti: